in , , ,

Nicola Caso – la video intervista di Rockin’ Donuts

Nicola Caso ha da poco pubblicato “Svendesi”, un album fatto di emozioni e sogni tradotti in musica

Nicola Caso - Video Intervista

Sul palco  del Dejavù è tornato un cantante eccezionale: Nicola Caso!

La musica del suo ultimo album Svendesi, è un percorso fatto di emozioni forti e contrapposte, sogni e realtà, tradotti in parole e musica.

Dopo più di due anni di scrittura e di lavoro in studio e a dieci anni dal suo album di esordio “Neapolitan Hard-Pop”, Nicola Caso ritorna sulla scena musicale con Svendesi, un doppio album contenente 33 tracce suddivise in due dischi, “Odio” e “Svendesi“, fisicamente separati ma uniti da un filo conduttore concettuale.

Svendesi è un viaggio che va dall’odio più viscerale all’infinita dolcezza di un amore romantico, l’impegno e il puro intrattenimento, condito da tracce di ironia, tra frustrazione e riscatto, ansia e malinconia, catarsi crude e immagini sognanti.

Dopo il live abbiamo incontrato Nicola Caso e la sua band, che ci hanno regalato una delle interviste più divertenti di questi ultimi mesi! Ci siamo piegate in due dalle risate e siamo state davvero contente che anche gli intervistati si sono divertiti insieme a noi.

Nella video intervista, però non ci sono solo risate, ma Nicola Caso e la band ci hanno raccontato della loro idea di musica, di come si sono incontrati e tanto altro ancora.

Enjoy!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ilaria D'Alessandro

Written by Ilaria D'Alessandro

Capelli ricci, rossetto e mascara sono il suo tratto distintivo. Per lei il cinema, un piacere che si concede ogni volta che può, è un modo per evadere dalla realtà ed immergersi in mondi nuovi. La musica, fedele compagna delle sue giornate, fa da sottofondo quando lavora, ma spesso si lascia trascinare dal sound e finisce col dimenticare ciò che stava facendo!

[g1_socials_user user="2" icon_size="28" icon_color="text"]

Golden Globe Awards 2018: tutte le nominations

Assassinio sull’Orient Express – la recensione