in , , , ,

Yamandu Costa incanta le Terme romane di Baia

Yamandu ha accolto il pubblico del Pozzuoli Faber Jazz Festival con la chitarra a sette corde, uno strumento tipico della sua terra natale, il Brasile, utilizzato nel Choro e nel Samba.

Yamandu Costa - Pozzuoli Faber Jazz Festival - Rockin' Donuts

Nella suggestiva cornice delle Terme romane di Baia, sabato 13 luglio, si è esibito il compositore brasiliano Yamandu Costa.

Yamandu ha accolto il pubblico del Pozzuoli Faber Jazz Festival con la chitarra a sette corde, uno strumento tipico della sua terra natale, il Brasile, utilizzato nel Choro e nel Samba.

Considerato uno dei più grandi talenti della chitarra brasiliana, Yamandu Costa è un riferimento mondiale nell’interpretazione della musica brasiliana, che domina e ricrea ogni performance. Si cimenta in diversi stili: chorinho, bossa nova, milonga, tango, samba e chamamé. In  ragione di questa sua grande versatilità è impossibile identificarlo con un solo genere musicale.

Influenzato da molti grandi musicisti come Lucio Yanel e Astor Piazzolla (dall’Argentina); Raphael Rabelo, Baden Powell e Antonio Carlos Jobim (dal Brasile) e Django Reinhart (dalla Francia), Yamandu ha creato il suo personalissimo stile compositivo, a metà strada tra la musica tipica del sud del Brasile e pezzi molto delicati e melodiosi.

Yamandu gestisce il palco con grande maestria, creando un rapporto confidenziale con il suo pubblico, che incanta con le sue interpretazioni e con la sua capacità di fondersi con il suo strumento, diventando un tutt’uno.

La sua creatività musicale si sviluppa liberamente su una tecnica più affinata, che esplora tutte le possibilità della chitarra a 7 corde, rinnovando e riarrangiando temi brasiliani antichi, creando  composizioni molto intense. Ora, nelle sue esibizioni,sta abbracciando la gamma di musica radicen latino-americana con una chiaro riferimento allo swing brasiliano.

Oltre ad avere ricevuto numerosissimi premi, Yamandu si è esibito in tutto il mondo: oltre al Brasile e in tutta l’America Latina, in quasi tutti i paesi europei, in Russia, Medio Oriente, India, Cina, Giappone, Corea del Sud, Australia, Stati Uniti, Emirati Arabi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Capelli ricci, rossetto e mascara sono il suo tratto distintivo. Per lei il cinema, un piacere che si concede ogni volta che può, è un modo per evadere dalla realtà ed immergersi in mondi nuovi. La musica, fedele compagna delle sue giornate, fa da sottofondo quando lavora, ma spesso si lascia trascinare dal sound e finisce col dimenticare ciò che stava facendo!

Rockin’ Troubadour: Bob Marley – Don’t worry about a thing

Ada Montellanico – Abbey’s Road: jazz puro alle Terme Romane di Baia